In treno con la bicicletta

0

Il treno e la bicicletta costituiscono un abbinamento vincente per viaggiare in modo ecologico e per sostenere l’ambiente. Vediamo come fare a trasportare la bici sui treni italiani con qualche utile suggerimento.

Per prima cosa, dobbiamo distinguere il tipo di treno sul quale viaggeremo e poi come vogliamo trasportare la nostra bici.

Per trasportare la bicicletta sui Treni Regionali occorre prima di tutto controllare che il treno scelto preveda il trasporto delle bici. Per verificare ciò, bisogna collegarsi al sito www.trenitalia.com (oppure chiedere alla biglietteria in stazione), inserire la destinazione scelta e cliccare sui servizi del treno. Se nei dettagli è presente la dicitura “Treno con servizio di trasporto biciclette al seguito del viaggiatore“, insieme all’icona di una bici, allora potremo salire con la nostra bici.

Quanto costa?

Per i treni regionali ci sono due opzioni:

  • Pagare un supplemento bici* di 3,50€ da utilizzare nelle 24 ore dal momento della convalida (avrai modo così di trasportare la tua bici sui diversi treni del tuo programma di viaggio). Il supplemento bici è possibile acquistarlo anche presso la biglietteria automatica presente in stazione.
  • Acquistare un biglietto di seconda classe anche alla bici, da convalidare prima di salire (qualora il costo del biglietto passeggero fosse inferiore al costo del supplemento bici).

*Dal 1° gennaio 2015, in applicazione delle delibere regionali, la tariffa applicata in Campania è pari a 2.00€, gratuito nei giorni prefestivi e festivi.

In definitiva, se vuoi salire su di un treno senza bisogno di smontare e poi rimontare la propria bicicletta è necessario che tutti i treni interessati dal viaggio ammettano il trasporto delle bici, che la tua bicicletta non sia in nessun caso più lunga di 2 m, e che tu abbia convalidato il biglietto previsto per la bici prima della salita a bordo.

Se, invece, la bici è smontata e riposta in una sacca che non misuri più di 80 x 110 x 40 cm o si dispone di una bici pieghevole, allora può essere trasportata su tutti i treni regionali e non occorre pagare alcun supplemento o biglietto (non è quindi necessario verificare il tipo di treno sul quale si vuole viaggiare).

2202136-dscn5397

Per quanto riguarda, invece, i Treni Nazionali (Treni Frecciabianca, Frecciarossa, Frecciargento e Intercity), questi non dispongono di un’area dedicata alle bici come accade per quelli regionali, ma consentono il trasporto in modo GRATUITO solo alle seguenti condizioni:

  • la bici deve essere smontata o ripiegata ed inserita in una sacca protettiva;
  • le dimensioni della sacca non devono superare gli 80 centimetri di altezza, 110 di lunghezza e 40 di profondità;
  • la sacca deve essere collocata nel porta bagagli in alto o nel centro carrozza o al termine della carrozza a condizione che non arrechi disagio o pericolo agli altri viaggiatori.

È opportuno portare dei cavi per fissare la bici nel vano bagagli. In caso non si trovi una buona collocazione conviene chiedere al personale di bordo.

Pertanto, non è possibile viaggiare con la propria bici montata sui treni nazionali.

Condizioni di trasporto

Il viaggiatore deve effettuare personalmente le operazioni di carico e scarico ed è responsabile della custodia della propria bici e degli eventuali danni causati alla propria ed alle altrui biciclette, al personale e al materiale delle FS e a terzi.

I gruppi di almeno 10 persone che intendono trasportare altrettante biciclette devono fare esplicita richiesta alla Direzione Regionale di Trenitalia competente con un anticipo di almeno 7 giorni rispetto alla data di partenza. Senza l’autorizzazione della Direzione Regionale il trasporto delle biciclette per i gruppi non è ammesso.

Il personale di bordo può non consentire il trasporto di biciclette a bordo treno nel caso in cui tale trasporto possa pregiudicare il servizio ferroviario. In caso di mancanza o irregolarità del biglietto per la bicicletta si applicano le stesse disposizioni previste per i biglietti di corsa semplice. Il supplemento bici non è rimborsabile. Il biglietto invece è rimborsabile con le stesse modalità previste per i biglietti di corsa semplice. Nel caso di trasporto effettuato in appoggio ad abbonamento l’eventuale rimborso è limitato solo al biglietto per la bici. Trenitalia non assume responsabilità per la custodia delle bici caricate nel treno e non risponde per eventuali danni che venissero rilevati alle stesse. Trenitalia, in caso di incidente a essa imputabile, corrisponde, su richiesta del viaggiatore, per la distruzione o lo smarrimento, € 260,00 a bici, salvo la dimostrazione di un maggior danno. Nel caso in cui la bicicletta arrechi grave disturbo o danno agli altri viaggiatori, il viaggiatore è assoggettato al pagamento di una penalità di €8,00 e deve, in ogni caso, provvedere a scaricarla alla prima stazione di fermata.

Il servizio trasporto bici di Italo segue le stesse ed identiche condizioni di Trenitalia.

In allegato la delibera della Regione Campania
Clicca qui per scaricare la delibera della Giunta Regionale della Campania in materia di trasporto bici sui treni regionali.

Fonte: www.trenitalia.comwww.italotreno.it

Share.

About Author

Leave A Reply